70% degli utenti di internet

Più del 70% degli utenti di internet di sesso maschile tra i 18 e i 34 anni, visita un sito video porno in un mese. Uno studio del 2009 pubblicato sul Journal of Economic Perspectives ha rilevato che lo stato dello Utah è il più grande consumatore pro capite di pornografia su Internet negli Stati Uniti. Lo status giuridico della pornografia varia molto da paese a paese. La maggior parte dei paesi permettono almeno una qualche forma di pornografia. In alcuni paesi, il genere softcore è considerato piuttosto innocuo tanto da essere venduto nei negozi o essere mostrato in TV. La pornografia più spinta, d’altra parte, è solitamente regolata. La produzione e la vendita, e in misura leggermente inferiore il possesso, di materiale pedopornografico è illegale in quasi tutti i paesi, e in alcuni paesi sono presenti delle restrizioni sulla pornografia raffigurante la violenza (si veda, ad esempio, il genere stupro) o sulla pornografia con animali, o entrambe. Ci sono ricorrenti leggende metropolitane sui film snuff, in cui degli omicidi sono girati per scopi pornografici. Il governo britannico ha reso illegale il possesso della cosiddetta “pornografia estrema” in seguito all’assassinio altamente pubblicizzato di Jane Longhurst. La pedopornografia è illegale in molti paesi, e una persona viene intesa come adulta molto più comunemente dopo il diciottesimo anno d’età (anche se l’età varia). In questi paesi, qualsiasi film o foto con un minore coinvolto in un atto sessuale viene considerato video porno e illegale.