Una donna virtuosa

Se una donna virtuosa è debole e dipendente, come è stato assunto dalle immagini nell'arte porno italiano classica, allora una donna forte e indipendente non potrebbe essere descritta come virtuosa.  Il Barriacade (1918), un olio su tela, di George Bellows. Un dipinto ispirato a un incidente dell'agosto del 1914, quando i soldati tedeschi utilizzarono i cittadini belga come scudi umani. Fino al 1960, la storia dell'arte e la critica, raramente riflettevano qualsiasi cosa che non fosse il punto di vista maschile. Il movimento artistico femminista iniziò a cambiare questo punto di vista, ma una delle prime dichiarazioni ampiamente note nei messaggi politici sul nudo fu fatta nel 1972 dal critico d'arte John Berger. In Ways of Seeing, ha sostenuto che i nudi femminili riflettono e rafforzano il rapporto di potere prevalente tra le donne ritratte nell'arte e il pubblico prevalentemente maschile. Un anno dopo, Laura Mulvey ha scritto Piacere visuale e Cinema narrativo, affermando il concetto di sguardo maschile secondo il quale tutti i nudi sono intrinsecamente porno italiano voyeuristici. Il nudo porno italiano è stato utilizzato per dichiarazioni sociali o politiche forti. Un esempio è La Barricata di George Bellows, che dipinge i cittadini belga utilizzati come scudi dai tedeschi durante la Prima Guerra Mondiale. Anche se basato su un incidente realmente accaduto in cui le vittime non erano nude, ritrarle così nella pittura sottolinea la loro vulnerabilità e l'universale umanità.